Seleziona una pagina

Ero troppo piccola quando andò in onda per l’ultima volta Carosello e ne ho ricordi vaghissimi, forse da attribuire più alla mia passione per la buona TV che mi fa curiosare in filmati d’epoca e documenti di Rai Teche.

Oggi Carosello compie 60 anni: il 3 febbraio 1957 andava in onda la prima puntata del programma che ha scandito le serate di adulti e bambini sino al 1° gennaio 1977. Andava in onda puntuale alle 20.50 su l’allora unica rete televisiva in Italia, Programma Nazionale (che in seguito diventerà Rete 1), ed era un appuntamento immancabile per le famiglie italiane riunite in casa o al bar con gli amici. “E dopo Carosello tutti a nanna”: è la frase che milioni di bambini italiani, tra la fine degli anni ’50 e la fine dei ’70, hanno sentito pronunciare dalle loro mamme prima di sedersi davanti alla tv per assistere all’imperdibile appuntamento serale.

La celebre trasmissione aveva un format molto semplice: una serie di sketch divertenti, intermezzi musicali o cartoni animati seguiti da un messaggio pubblicitario. Alla realizzazione di Carosello parteciparono grandi registi quali Federico Fellini, Pier Paolo Pasolini, Sergio Leone e Gillo Pontecorvo, ma anche attori di grandissima fama come Totò, Eduardo De Filippo, Peppino De Filippo, Erminio Macario, Gilberto Govi, Vittorio Gassman, Alberto Sordi, Giorgio Albertazzi, Arnoldo Foà, Alberto Lupo, Aldo Fabrizi, Dario Fo, Franca Rame, Amedeo Nazzari, Mario Carotenuto, Franca Valeri, Alighiero Noschese e tantissimi altri ancora.

Carosello è stato un enorme fenomeno di costume, una piccola grande rivoluzione culturale che ha modificato le abitudini, i consumi e il linguaggio degli italiani. Molti spot pubblicitari – le réclame – sono pietre miliari della comunicazione pubblicitaria e parte della memoria collettiva del Paese. Merito anche dell’ottimo lavoro di scrittura degli autori: fra tutti, Marcello Marchesi, autore televisivo e insuperabile pubblicitario.

Basta citare Calimero, Susanna tutta panna, Carmencita e Jo Condor, i personaggi di fantasia della galleria del Carosello, per avere cognizione dell’enorme impatto sull’immaginario comune e dell’impronta indelebile che quel fenomeno televisivo ha lasciato nella nostra cultura pop.

Buon compleanno, Carosello!

Per saperne di più: Carosellomito